NATURALmente...

 

 

 

"Non è certo indispensabile arrivare al cospetto della più alta montagna del mondo,
  per scoprire l' emozione del Nepal: in bicicletta, e non solo..."







                  
            A DAKSHINKALI con Laura, Mariagrazia, Diego, Chiara e Alessandro

 


Kathmandu:
per sentirsi ancora più vicini ad una terra, una cultura ed un popolo "AMICI"


meditando... su una GRANDE EMOZIONE
(foto di Flavia Caviglioli)


A Bhaktapur con il "gruppo" INDRAJATRA 2007:


Come entrare a far parte del "gruppo" ?
SEMPLICE!
Per cominciare... CLICCA SULLA FOTO !!!


 

in preparazione:
- Scoprire il MOLISE, come una "specie" di Nepal, in Italia...


 
------------------------------------------------------------------------------

Ricordo: tra il 20 ed il 21 settembre 2006...


Un grande saluto
ad Alessandro, Diego e tutti i ciclisti ("per Caso" o per Amore),
a Sandro Capitani
la redazione RAI (in particolare del '66), e tutti gli ascoltatori de
"LA NOTTE di RADIO UNO"

che navigando, navigando sono arrivati a questa pagina:

alla magia della bicicletta...


4 gennaio 1998 - la prima pedalata sulle acque dell'Himalaya...

e
ad Alessandro e a tutti:

BUON VIAGGIO !!!
(QUALUNQUE ESSO SIA...)

 

 

   Nel 'mio' NEPAL: insieme...  

    GulliverNEPAL - aprile 2002: "CASA-NEPAL" - Diego Rossetti
UNA BICICLETTA PIENA D'AMORE
Foto di "gruppo" con Thoola e Jithbadur al momento del saluto...

Con il 'PATROCINIO' del COMUNE di FIRENZE
presentato: 
venerdì, 19 aprile 2002 - Sala Stampa PALAZZO VECCHIO
partenza 'ufficiale': sabato, 27 aprile da Piazza SIGNORIA
con l'Assessore allo Sport del Comune di Firenze EUGENIO GIANI

 

 

Insieme a... Patrizio Roversi
e ad Alessandro De Gerardis (da RAI-ISOradio)

Patrizio: ... il mezzo di trasporto che ha scelto è un mezzo molto tranquillo, sensibile ad ogni singola buca come ad ogni singola faccia, che Marco incontra lungo la strada. Secondo me gli ha proprio affinato queste sensibilità per   cui si impegna in queste imprese che sono sia sportive ma anche di solidarietà. Io però vorrei descriverlo perchè   magari lo avete visto in una trasmissione televisiva e magari proprio "Turisti per caso", ma Marco Banchelli è un   'gigante': un fisico eccezionale, grande, grosso, assolutamente 'rassicurante'... Ma importante è veramente    lo strumento   che usa per esplorare il mondo, lo strumento della sua curiosità: la bicicletta. Pedalando, camminando o andando in  giro  con una barca a vela si ha un approccio diverso da quello un po' consumistico del turismo  mordi e fuggi,  che  certo si fa, e soddisfa comunque, in qualche modo, ma quando è possibile avere un altro passo è meglio.
Alessandro:   ... la parte del mondo di cui conservi  un migliore  ricordo o  che   comunque ti   ha lasciato un segno particolare, Patrizio...
Patrizio:  Guarda, temo, e poi perchè 'temo'..., si, temo nel senso che non dico niente di nuovo, di essere d'accordo con Marco. In effetti il  Nepal  è stato veramente un  posto stupendo,  con degli  aspetti   anche  contraddittori,  anche 'pesanti'... Però meraviglioso... Io credo che il 'viaggio' sia quello, l'oriente è quello...
Ma in generale ecco, dopo l'11 settembre sembrava  che si  fosse paralizzato  proprio il senso del viaggio. Per fortuna c'è gente come Marco: che non  ha paura di  niente,  che continua a  percorrere  imperterrito  le strade del  mondo  in bicicletta e continua a praticare l'arte più difficile che è la curiosità.
Marco: ... ma quel giorno che venni a prenderti in bicicletta..., nei miei tanti ricordi fa parte veramente dei più cari ed incredibili... Quando ti vidi in pantaloncini corti e mi dicesti "li ho messi in tuo onore!", e si partì, alla scoperta di Patan...
(e l'incontro con Padre SHARMA, Prefetto Apostolico, e Sister DEEPA, responsabile 'Karuna Bhawan')
Patrizio:  Ero veramente  ridicolo,  mi  sono  rivisto  nelle riprese! A parte che cerco proprio d' essere ridicolo, per vocazione, ma a volte ho proprio dei momenti di  involontario  umorismo: di  fianco a  Marco Banchelli  sembravo una bestiolinina... Sia per le dimensioni, sia per il rapporto che sbagliavo,  in bicicletta.   Lui  pedalava  a grandi falcate, era veramente la gazzella che va, armonico, ed io ero una scimmiotta che arrancava dietro...  Però, insomma,  la  gente la vedi in un altro modo dalla bicicletta... 
E quindi c'è poco da fare:  Marco non è un  'turista'   come me, lui è un viaggiatore vero...

                                                                                                     Diamo un senso al nostro "viaggio"


LE   'TAPPE'  PRINCIPALI  (da GULLIVER "toccate" e, soprattutto, SVILUPPATE...) :

1 - Progetto CASA-NEPAL , evoluta poi CasaAPEIRON sempre grazie a Diego Rossetti e poi Barbara Monachesi:  una struttura per accogliere  non  solo bambini  nepalesi,  per  dar loro un tetto  ed un'istruzione, ma anche una "possibilità" per chiunque avesse  le capacità e desiderasse metterle a disposizione, di contribuire concretamente al progetto.  Indicato particolarmente per insegnanti ed allenatori sportivi.

2 - KARUNA BHAWAN : la Casa della Compassione. Una particolarissima missione per aiutare le suore nel compito di accogliere, assistere e consolare giovani donne e ragazze nepalesi  recuperate in 'bordelli' di Dheli o Calcutta in India. Con l'inizio di intervento da  parte della "Fondazione FRANCESCO CAFFE'" di Firenze dal 2007 con due sedi operative: quella storica di Patan e quella presso il Centro Pastorale di Godavari.

3 - GEMELLAGGI SCOLASTICI : ( 'CONTATTA MARCO' )

4 - AMICO NEPAL : approfondimenti su due aspetti anche 'drammatici' della storia contemporanea del Nepal: l'uccisione (1 giugno 2001) del RE e della sua famiglia, la RIVOLTA.ed il lento cammino verso un futuro migliore...

          

                                   

                                                          
                                                             Bhaktapur 2002 (Massimo, Rita, Aldo, Cecilia)
                                                                             
Viaggio documentato in 'video' dall'operatrice RITA CERIOTTI

                                                             



Il 'viaggio' NEPAL 2002 e lo sviluppo delle sue tappe è stato seguito anche da 
     
RAI-ISOradio      
con collegamenti satellitari quotidiani
curati e coordinati da Alessandro De Gerardis



Un GRAZIE o meglio, DANNEBATH
a Mr Ramesh GURUNG del Kathmandu Guest House